sabato 3 agosto 2013

Le terre coloranti italiane all'Esposizione Internazionale di Londra del 1862

Arcidosso
Arcidosso
All'Esposizione Internazionale di Londra del 1862  furono presentate delle terre coloranti provenienti dall'Italia (AA. VV. 1862a).

"Tra le industrie nazionali meritevoli di considerazione" dice il "Catalogo descrittivo":
"vi è quella della escavazione e delle preparazione delle Terre coloranti. Quest'industria interessa poi grandemente l'arte della pittura, la quale trova nei colori di questa natura quella stabilità che tanto si ammira nelle antiche pitture e che manca a molti dei colori moderni" (AA. VV. 1862a, pp.81-82).
Il "Catalogo descrittivo" riporta come indicazioni delle zone da cui provengono le terre coloranti, la val di Magra, l'isola d'Elba e, in particolare, le zone nei pressi di Siena che identifica come la sede principale di questo tipo d'industria (AA. VV. 1862a, p.82).
Il "Catalogo descrittivo" riporta come espositori, Carlo Corbi Zocchi di Siena, che aveva portato delle terre gialle, terre rosse e terre scure da Siena, Maggi, Santi e Becchini di Montalcino, che avevano portato terre bolari scure dalla miniera di Arcidosso, terra bolare gialla, terra bolare scura calcinata, terra gialla e terra gialla bruciata, e Felice Guidotti di Lucca che aveva portato della terra d'ombra (AA. VV. 1862a, p.82).
Zocchi, Maggi, Santi e Becchini, sono riportati anche nelle "Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia" per aver ricevuto delle "menzioni onorevoli", Zocchi, per la "Ottima qualità e importante produzione della terra di Siena", Maggi, Santi e Becchini per la "Ottima qualità dei loro vari prodotti". Guidotti, invece, non viene citato (AA. VV. 1862b).
Da notare, infine, che il "Catalogo descrittivo" definisce le "terre coloranti" come "terre a colori", espressione che si ritrova anche in altri testi più antichi come la "Raccolta di regj editti, manifesti, ed altre provvidenze de' Magistrati ed Uffizj" che lo precede di circa quarant'anni (AA. VV. 1819).

 

 Bibliografia

  • AA. VV. 1819, Raccolta di regj editti, manifesti, ed altre provvidenze de' Magistrati ed Uffizj, Davico e Picco, Torino.
  • AA. VV. 1862a, Esposizione internazionale del 1862. Regno d'Italia. Catalogo descrittivo pubblicato per cura del R. Comitato Italiano, I. Mineralogia e Geologia (Prodotti Litoidei), Barbèra, Firenze.
  • AA. VV. 1862b, Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, Suppl. al N. 175, Torino, 25 luglio, G. Favale e Comp., Torino.
V.F. Marrese — Teatro Anatomico — 2013

Nessun commento:

Posta un commento